Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dal 13 settembre 2014 i coniugi hanno la facoltà di separarsi o divorziare tramite la “convenzione di negoziazione assistita da un avvocato” senza più passare per il Tribunale.

Data:

09/10/2014


Dal 13 settembre 2014 i coniugi hanno la facoltà di separarsi o divorziare tramite la “convenzione di negoziazione assistita da un avvocato” senza più passare per il Tribunale.

Nella Gazzetta Ufficiale n.212 del 12 settembre 2014 e’ stato pubblicato il Decreto-Legge n. 132/2014 recante "Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile".

Dal 13 settembre 2014, ai sensi dell’art.6 del citato D.L.,  viene riconosciuta ai coniugi la facoltà di separarsi o - nei casi di avvenuta separazione personale ai sensi delle disposizioni vigenti - di divorziare, tramite la “convenzione di negoziazione assistita da un avvocato”, senza più passare per il Tribunale.

Tale convenzione sostituisce ed ha gli stessi effetti dei provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili del matrimonio, di scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio. L’avvocato ha l’obbligo di trasmettere, entro il termine di dieci giorni, all’ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio fu iscritto o trascritto, copia, autenticata dallo stesso, dell’accordo munito delle certificazioni necessarie. 

Le disposizioni di cui all'art. 6 non sono applicabili in presenza di figli minori, maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ovvero non economicamente autosufficienti.


248