Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Procedura di selezione per l’assunzione di n° 1 impiegato a contratto da adibire ai servizi di assistente amministrativo nel settore consolare.

Data:

09/05/2019


Procedura di selezione per l’assunzione di n° 1 impiegato a contratto da adibire ai servizi di assistente amministrativo nel settore consolare.

GRADUATORIA FINALE

AVVISO DI ASSUNZIONE DI IMPIEGATI A CONTRATTO

MODELLO DI DOMANDA

L’Ambasciatore d’Italia in Dublino;

VISTO il D.P.R. 5.1.1967, n. 18, concernente l’Ordinamento dell’Amministrazione degli Affari Esteri, e successive modificazioni e integrazioni, con particolare riferimento al D.Lgs. 7 aprile 2000, n. 103, che ha sostituito il titolo VI del D.P.R. n. 18/67 relativo agli impiegati a contratto presso gli Uffici all’estero;
VISTO il D.M. 16.3.2001, n. 032/655, registrato dalla Corte dei Conti il 27.4.2001 (Reg. 4; Fg. 296), recante “requisiti e modalità di assunzione degli impiegati a contratto presso le Rappresentanze diplomatiche, gli Uffici consolari all’estero e gli Istituti Italiani di Cultura”;
VISTA l’autorizzazione ministeriale di cui al messaggio Mae-69898 del 16 aprile 2019;
RENDE NOTO

È indetta una procedura di selezione per l’assunzione di n° 1 impiegato a contratto da adibire ai servizi di assistente amministrativo nel settore consolare.

1. REQUISITI GENERALI PER L’AMMISSIONE

Possono partecipare alle prove i candidati in possesso dei seguenti requisiti:
1) abbiano, alla data del presente avviso, compiuto il 18° anno di età;
2) siano di sana costituzione;
3) siano in possesso del seguente titolo di studio: Diploma di istruzione secondaria di 1° grado o equivalente;
4) abbiano la residenza in Irlanda da almeno due anni;

I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal successivo punto 2 per la presentazione delle domande di partecipazione, fatta eccezione per:
- il diciottesimo anno di età.

2. PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE

Le domande di ammissione alle prove per l’assunzione, da redigersi secondo il modello disponibile presso l’Ambasciata d’Italia a Dublino, dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 17 del giorno 7 giugno 2019.
Le domande potranno essere trasmesse per via telematica, firmate, scansionate e corredate dalla copia di un documento d’identità valido, al seguente indirizzo di posta elettronica: ambasciata.dublino@esteri.it
Le domande, firmate e corredate dalla copia di un documento d’identità valido, potranno essere altresì presentate su carta libera indirizzata a:
Ambasciata d’Italia in Dublino
Indirizzo: 63-65 Northumberland Road
Dublin 4, D04 VA89
Ireland
In questo caso le domande si considerano presentate in tempo utile se ricevute entro il termine di presentazione. (in alternativa: se spedite entro il termine di presentazione. In tal caso farà fede la data del timbro postale.)
Nella domanda di ammissione alle prove, i candidati dichiareranno sotto la propria responsabilità:
a) cognome, nome, data, luogo di nascita e residenza;
b) recapito presso il quale devono essere inviate eventuali comunicazioni;
c) di essere di sana costituzione fisica;
d) la cittadinanza o le cittadinanze di cui sono in possesso;
e) da quanto tempo risiedono nel Paese;
f) le eventuali condanne penali comprese quelle inflitte all’estero nonché i provvedimenti penali pendenti a loro carico in Italia e all’estero;
g) la posizione nei riguardi degli obblighi militari (per i candidati soggetti agli obblighi di leva);
h) il possesso del titolo di studio almeno equivalente a quello indicato al paragrafo 3 del precedente punto 1;

Ai fini dell'attribuzione dei punteggi aggiuntivi di cui al successivo punto "6-Valutazione dei titoli" i candidati potranno inoltre dichiarare:
i) il possesso di titoli di studio superiori a quello richiesto, allegando idonea certificazione anche in copia;
j) le precedenti esperienze lavorative con mansioni equivalenti a quelle di cui al presente avviso (nel caso di impiegati già in servizio, le mansioni svolte possono essere anche immediatamente inferiori a quelle richieste), allegando idonea certificazione -anche in copia- e indicando le cause di risoluzione.

3. ESCLUSIONE DALLE PROCEDURE DI SELEZIONE

Determinano l’esclusione dalle prove di selezione:
a) le domande dalle quali non risulti il possesso di tutti i requisiti prescritti nel precedente punto "1. Requisiti Generali per l'ammissione";
b) le domande prive della sottoscrizione autografa;
c) le domande spedite o presentate oltre il termine stabilito dal precedente punto 2 del presente bando.

4. PROVE D’ESAME

I candidati che risponderanno ai requisiti di cui sopra, saranno sottoposti ad una serie di prove teorico-pratiche che consisteranno in:
1. Una traduzione scritta, senza l'uso del dizionario, di un testo d'ufficio dall'italiano all'inglese, per la quale i candidati disporranno di un'ora di tempo;
2. Un colloquio consistente in: a) una conversazione in lingua italiana, intesa a verificare l'ottima conoscenza della lingua, le attitudini professionali dei candidati e le loro condizioni di persone effettivamente integrate nell'ambiente locale. Nel corso di detto colloquio verranno accertate nei candidati le conoscenze in materia di attività svolta dagli Uffici diplomatico-consolari all'estero; b) una conversazione in lingua inglese allo scopo di valutarne l'approfondita conoscenza, nel corso della quale i candidati dovranno effettuare una traduzione orale estemporanea, senza l'uso del dizionario, di un breve testo d'ufficio dalla lingua predetta in italiano;
3. Una prova pratica di uso del personal computer per lo svolgimento di mansioni d'ufficio;
4. Una prova a carattere eminentemente pratico di collaborazione consolare.

5. PUNTEGGIO MINIMO DI IDONEITA’

Per conseguire l’idoneità, i candidati dovranno ottenere la media di almeno 70/100, con votazioni non inferiori ai 60/100 in ciascuna prova.

6. VALUTAZIONE DEI TITOLI

Ai fini della formazione della graduatoria finale degli idonei, alla media dei punteggi conseguiti da ciascun candidato risultato idoneo, va aggiunto un punteggio per il possesso dei titoli di studio superiori a quello richiesto e delle esperienze lavorative precedenti (purché comprovati dalla documentazione allegata alla domanda, come indicato nel precedente punto 2), nei seguenti limiti:
a) per ogni titolo di studio di grado superiore a quello richiesto per partecipare alle prove: punti 1/100, fino ad un massimo di punti 2/100;
b) per ogni anno di servizio prestato senza demerito con mansioni almeno equivalenti a quelle previste dal presente Avviso (o immediatamente inferiori nel caso di impiegati già in servizio): punti 1/100, fino a un massimo di 3/100.
7. DOCUMENTAZIONE

Il candidato risultato vincitore dovrà produrre la sottoelencata certificazione:
a) certificato di nascita
b) certificato/i di cittadinanza/e posseduta/e
c) certificato attestante la residenza in Irlanda nei due anni precedenti la data del termine di presentazione delle domande
d) certificato di sana costituzione fisica
e) certificato penale rilasciato dalle Autorità locali
f) titoli di studio in copia autentica (i titoli di studio stranieri dovranno essere corredati di traduzione ufficiale e di una dichiarazione di valore rilasciata dalla competente autorità consolare italiana
g) (per i soli candidati di cittadinanza diversa da quella del Paese di servizio) copia del permesso di soggiorno

Con riferimento al punto g), si sottolinea che in mancanza di tale documentazione, non è possibile procedere all’assunzione del candidato.
Con riferimento al requisito della residenza, è opportuno chiarire che l’attestazione da presentare è di norma il certificato di residenza emesso delle autorità locali competenti.
Nei Paesi caratterizzati dalla mancanza di un'autorità preposta o dalla presunta inaffidabilità dei documenti rilasciati dall'autorità locale, come previsto dall'art. 6, comma 2, del D.M. n. 032/655 del 2001, il candidato vincitore può richiedere a questo Ufficio il rilascio di una certificazione sostitutiva che dichiari il possesso del requisito, ai sensi dell'art. 52 del D. Lgs. 3 febbraio 2011 n. 71.
I cittadini italiani regolarmente iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) possono presentare una dichiarazione sostitutiva di certificazione di iscrizione all’AIRE.
La certificazione prodotta da un’amministrazione straniera deve essere legalizzata. La certificazione redatta in lingua straniera deve essere corredata da traduzione conforme all’originale.
La certificazione di cui ai punti a), b), c), d) dovrà essere presentata entro il termine di 15 giorni dalla data della richiesta da parte dell’Ufficio. La restante documentazione dovrà essere presentata prima della stipula del contratto.
Si precisa che i cittadini italiani e dell'Unione Europea, in luogo della certificazione di cui ai precedenti punti a), b), c), e), f) dovranno presentare le apposite dichiarazioni sostitutive di certificazione di cui all’articolo 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, limitatamente alle ipotesi in cui gli stati, le qualità personali ed i fatti siano contenuti in registri pubblici italiani o dell'Unione Europea e, in quest'ultimo caso, purché alle nostre Rappresentanze sia data la possibilità di accedere per eventuali controlli.
Qualora successivi controlli dovessero far emergere la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive, l’interessato incorrerà nelle sanzioni penali di cui all’articolo 76 del precitato D.P.R. n. 445/2000, decadendo immediatamente dall’impiego e da ogni altro beneficio eventualmente conseguito sulla base della dichiarazione non veritiera.
In base agli elementi acquisiti dalle domande presentate in tempo utile, sarà formato un elenco dei candidati ammessi a sostenere le prove che saranno convocati a mezzo di comunicazione scritta inviata agli interessati almeno 10 giorni prima della data fissata per le prove stesse.
Per gli adempimenti previsti dal presente Avviso verrà costituita una apposita Commissione Giudicatrice.
Il candidato prescelto non potrà in ogni caso iniziare a prestare servizio se non dopo l’apposizione del visto da parte dell’Ufficio Centrale del Bilancio sul provvedimento ministeriale di approvazione del contratto.


309